Stampa

Ed Salute Cloud

Referente Progetto Educazione alla Salute: Prof.ssa Stefania Turra

Educare alla salute significa promuovere il pieno sviluppo della personalità, dell’intelligenza, dell’affettività, dell’integrazione sociale dei singoli studenti.

Il progetto di educazione alla salute propone la realizzazione di diversi percorsi rivolti, a seconda delle tematiche che andranno sviluppate, a tutte le classi dell’Istituto, nel corrente anno scolastico. Le tematiche verranno sviluppate considerando i Documenti Nazionali con particolare attenzione alle Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati e al Piano Strategico per la promozione della Salute nella Scuola della Regione Veneto.

Importante è il coinvolgimento dei genitori all’interno di queste attività in modo da rendere il più possibile concreto l’effetto dei progetti proposti dall’Istituto.

La finalità di un programma congiunto scuola-salute è quello di fornire ai ragazzi negli anni della loro formazione culturale e psicologica, gli strumenti più adatti per conoscere ed evitare i comportamenti, gli atteggiamenti e i rischi che possono danneggiare la salute, mettendoli in grado di tutelare non solo la propria, ma anche la salute altrui.

Le attività proposte, valutati i bisogni e le richieste, saranno coordinate dal Referente per l’educazione alla salute che attiverà forme di collaborazione con esperti, enti, associazioni e settori sanitari o non, che svolgono attività nel campo della promozione della salute.

Con le iniziative proposte si cercherà di promuovere negli studenti:


Progetto Prevenzione Andrologica

CLASSI 5e

CHI SONO GLI ORGANIZZATORI

Il progetto è organizzato dalla Fondazione Foresta ONLUS* in collaborazione con la Provincia di Padova, il Comune di Padova, l’Ufficio Scolastico Provinciale, l’Azienda Ospedale-Università di Padova e l’ULSS 16.

IL PROGETTO

Il progetto si articola in più fasi:

I^ FASE: Informativa. Gli studenti parteciperanno ad incontri assembleari preventivamente concordati con i referenti degli istituti superiori. In questa fase i medici incaricati dalla Fondazione allo svolgimento del programma metteranno in evidenza, tramite una lezione interattiva, le principali nozioni anatomiche e fisiologiche dell’apparato genitale maschile, la conoscenza delle malattie sessualmente trasmesse e le problematiche correlate alle infezioni uro-genitali e la funzione degli anticoncezionali. Inoltre saranno informati sugli effetti negativi degli stili di vita sull’apparato riproduttivo e sulla prevenzione del tumore del testicolo attraverso l’autopalpazione. I medici saranno a disposizione per rispondere alle domande che sottoporranno gli studenti al termine della lezione.

II^ FASE: Raccolta facoltativa dati questionario anonimo. Terminata la lezione interattiva viene sottoposto su base volontaria agli studenti un questionario totalmente anonimo, in cui vengono raccolti dati sullo stile di vita, in particolare in relazione all’attività fisica abitudini voluttuarie, contraccezione, abitudini sessuali, in particolare per la prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse. I dati verranno utilizzati per una valutazione epidemiologica dei fattori di rischio che influenzano la fertilità. I dati verranno elaborati nel rispetto del D.lgs 196/03.

III^ FASE : Prevenzione primaria. Colloquio e primo screening su base volontaria in spazi degli istituti scolastico. Colloquio personalizzato tra lo specialista della Fondazione Foresta Onlus e lo studente, su base volontaria, in locali che i referenti dell’istituto superiore metteranno a disposizione. Si redige una cartella clinica con raccolta dei dati sensibili e personali, rispettando i criteri imposti dalla normativa vigente, in particolare per quanto riguarda il consenso dello studente al trattamento dei dati sensibili in forma anonima e aggregata. Verrà rilasciata allo studente una lettera che riassume lo stato dell’arte della salute andrologica e i suggerimenti per il completamento della prevenzione primaria e,se necessario, eventuali approfondimenti .

IV^ FASE: Completamento prevenzione primaria: valutazione stato di fertilità spermiogramma ed eventuale valutazione ecografica. Verrà proposto in forma gratuita negli ambulatori della Fondazione Foresta Onlus, un approfondimento clinico, un esame del liquido seminale per la valutazione dello stato di fertilità e se necessaria una eventuale valutazione ecografica. I risultati della visita medica e la necessità di eventuali approfondimenti diagnostici saranno illustrati ad ogni singolo studente e consegnati per i genitori e/o medici curanti.

V^ FASE : Colloquio continuativo. Gli studenti potranno continuare a tenersi in contatto privilegiato in forma gratuita con i medici attraverso i canali multimediali dedicati al programma promosso dalla Fondazione Foresta Onlus.

* Associazione no-profit nata nel 2007 grazie alla volontà del gruppo guidato dal Prof. Carlo Foresta, per la prevenzione delle patologie legate al sistema endocrino e riproduttivo (www.fondazioneforestaonlus.it/).


Progetto Sex by Sex

CLASSI 2e

CHI SONO GLI ORGANIZZATORI

Il progetto è organizzato dal gruppo SCORA del SISM, Segretariato Italiano Studenti in Medicina, un’associazione no-profit, fondata nel 1970 da studenti di Medicina italiani con lo scopo di formare medici che siano in grado di assistere le persone nel loro diritto alla salute.

Il SISM è membro dell’IFMS, International Federation of Medical Students’ Associations, Organizzazione Non Governativa riconosciuta dall’OMS e dall’ONU che conta più di un milione di affiliati costituiti da studenti di Medicina provenienti da più di 100 paesi in tutto il mondo, ed è presente in 35 università italiane con più di 4.000 membri.

PERCHÉ PARTECIPARE AL PROGETTO?

Perché, nonostante la crescente consapevolezza dell’importanza dell’educazione sessuale, sono ancora molti i comportamenti a rischio. Il sesso, infatti, è ancora ritenuto un argomento tabù e manca pertanto un’educazione sistematica al riguardo.

IL PROGETTO

All'interno del quale verrà utilizzato il metodo della peer education, una strategia educativa che pone l'accento sul coinvolgimento emotivo, è diretto agli studenti delle classi seconde delle scuole medie superiori.

Coinvolge studenti dell’Università di Padova, previo corso di formazione tenuto da Professori della stessa Università, ed ha i seguenti obiettivi:

ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO


Progetto Re-mapping

 

IDENTITA' DEL PROGETTO DI RICERCA

Il progetto RE-Mapping rientra in un programma di ricerca europeo finanziato dall’U.E. Suo obiettivo è quello di esaminare il «percorso» scolastico degli alunni, secondo come gli stessi alunni lo percepiscono a livello scolastico, individuale e globale. Questo progetto di ricerca si svolge in tre paesi europei: Italia, Francia e Grecia.

Ente responsabile per l'attuazione del progetto è il Dipartimento di Filosofia, Sociologia, Pedagogia e Psicologia Applicata (FISSPA) dell’Università di Padova, in Italia. Nell’ambito della sua attuazione, è in corso una collaborazione con il laboratorio CIRCEFT-ESCOL dell’Università Paris 8, per la ricerca realizzata in Francia, e con la Rete delle Politiche dell’Istruzione Superiore (HepNet) funzionante nell’ambito del P.T.D.E dell’Università di Patrasso, per la ricerca realizzata in Grecia.

OBIETTIVI DEL PROGETTO DI RICERCA

Il progetto Re-Mapping ha tre obiettivi articolati di ricerca:

 

LEGGI LA GUIDA INFORMATIVA

 

Maggiori informazioni: www.re-mapping.eu


Progetto Martina (referente prof.ssa Potenza Alessandra)

CLASSI 2° e/o 3e

PROGETTO MARTINA: parliamo ai giovani di tumori”. Lezioni contro il silenzio

Da anni l’Istituto Marconi partecipa con interesse ed attenzione al “progetto Martina”, voluto, sostenuto e coordinato dal Multidistretto Italy Lions Clubs, con il fine di “Educare i giovani a considerare la vita un bene prezioso e a sentirsi impegnati personalmente nella sua difesa”.

In tale ottica, da anni è stato istituito un coordinamento di medici che incontrano gli studenti nelle scuole secondarie di II grado, in relazione a diversi ambiti specifici.

Il progetto, che gode ora di respiro nazionale e di numerosi e importanti patrocini, è anche sostenuto dal MIUR e dal Ministero della salute. S’ispira all’eredità morale di Martina, una ragazza morta molto giovane di tumore, che sosteneva l’importanza di informare i giovani sulle modalità di lotta ai tumori, sulla possibilità di evitarne alcuni, sulla opportunità della diagnosi tempestiva, sulla necessità di impegnarsi in prima persona.

Il nostro Istituto, nella consapevolezza che la lotta ai tumori può divenire efficace solo con la cultura e l’impegno personale, aderisce al progetto con le classi terze del corso diurno, per le quali sono previsti quattro incontri con il personale medico sopra specificato coordinato dal Dott. Francesco Maria Cirillo.

Al termine dell’incontro i relatori proporranno agli studenti un questionario di interesse/gradimento dello stesso che andrà compilato tramite modalità online dal sito del progetto (www.progettomartina.it).

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito del progetto www.progettomartina.it